Il Natale a Follina nel tradizionale presepe in abbazia, il capolavoro di Giuseppe De Mar

A Follina non c’è Natale senza il tradizionale presepe sotto le volte dell’abbazia cistercense di Santa Maria. Si tratta di un piccolo grande capolavoro che attira moltissimi visitatori.

Lo scenario è Follina, con le sue montagne, con il suo centro storico fatto di portici, pertugi, fontane e capitelli. Al centro la natività che viene sempre posta nei pressi dell’abbazia. Un vero capolavoro di cui i monaci appartenenti all’ordine dei Servi di Maria vanno giustamente fieri, anche perché ad "inventare" il presepe fu il Santo per antonomasia, Francesco d’Assisi, in quel di Greccio nel lontano 1223.

Follina presepe2 copy

A Follina il presepe nasce dalle mani di Giuseppe De Mar (nella foto),  sessantaduenne con la passione per le sacre rappresentazioni natalizie. Da quattro anni è lui a creare il capolavoro follinese, anche se collaborava già da prima. Giuseppe, pensionato, l’arte di fare il presepe l’ha appresa fin da piccolo, tanto che alla tenera età di 6 anni, per lui era già un passione.

Per la realizzazione delle sue opere, Giuseppe usa il cotone per la neve e il polistirolo unito al materiale di scarto per l’edilizia per le abitazioni, Poi sassi, rocce, rami di alberi oltre alle tradizionali statuine alle quali aggiunge quelle dei mestieri della Vallalta. Quest’anno Giuseppe si è superato. Per chi non volesse crederci, una visita all’abbazia follinese toglierà ogni dubbio.

(Fonte: Giancarlo De Luca © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport