Farra di Soligo, domani l'addio a Ennio Barisan, morto a 60 anni: era attivo con la contrada di Credazzo

È mancato ieri, domenica 14 aprile, il 60enne Arfanio Ennio Barisan dopo un periodo di malattia. Falegname e viticoltore di Farra di Soligo, era molto attivo con la contrada di Credazzo e, in generale, per la comunità, che lo stimava per il grande valore che dava all’amicizia.

Uomo molto creativo nel suo lavoro, accogliente e disponibile nelle relazioni umane, Barisan era a capo di una famiglia numerosa e ben voluta. Ne piangono la prematura scomparsa la mamma Bruna, la moglie Raffaella ed i figli Alberto, Chiara, Marco e Matteo.

Semplice il ricordo della moglie: “Mio marito era una persona molto umile, lavorava nella sua falegnameria ed aiutava due nostri figli nei vigneti. Amava molto la vita ed i suoi figli, di cui era orgoglioso indistintamente. Era una persona con tantissimi amici, che hanno sempre rallegrato la nostra casa, come hanno fatto gli amici dei nostri figli. Per me e mio marito l’amicizia aveva un valore speciale, tutti i nostri amici sono venuti a fargli visita in ospedale fino agli ultimi giorni, a volte ce n’erano talmente tanti nella sua stanza che le infermiere li hanno dovuti allontanare. Questa vicinanza ha significato molto per noi”.

Il rosario in suffragio di Barisan sarà recitato questa sera alle ore 20 nella chiesa arcipretale di Farra di Soligo, il funerale sarà celebrato domani, martedì 16 aprile, alle ore 17 nel medesimo luogo sacro.

Eventuali offerte della funzione religiosa saranno devolute tramite la famiglia a monsignor Armando Bucciol, vescovo di Livramento in Brasile, a don Gigetto De Bortoli, responsabile del Centro italiano di solidarietà a Belluno, e ad attività parrocchiali.

(Fonte: Luca Nardi © Qdpnews.it).
(Foto: onoranze funebri Pederiva).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport