Successo per la “Festa delle Associazioni”. Celebrato ieri il ruolo insostituibile del mondo associativo coneglianese

Un tripudio di colori ha animato ieri, domenica 1° settembre 2019, il centro storico di Conegliano in occasione della ventesima edizione della Festa delle Associazioni.

Circa 160 associazioni coneglianesi hanno presentato le loro attività incontrando il pubblico negli stand allestiti in viale Carducci, in corso Mazzini, in corso Vittorio Emanuele e in via XX settembre, oltre a piazza Cima e alla scalinata degli alpini.

Il gran caldo non ha fermato i volontari, i soci e i simpatizzanti di quello che può essere considerato uno dei volti più belli della città del Cima.

In un momento storico dove i Comuni, in mancanza di risorse, non hanno i mezzi per occuparsi di tutti gli aspetti del sociale, curando in egual misura ogni dettaglio, ecco che il famoso “terzo settore” viene in aiuto alle amministrazioni comunali occupandosi di soddisfare le necessità culturali, sociali, artistiche, sportive e ricreative dei cittadini.

Una presenza preziosa e insostituibile, quella delle associazioni, che è giusto celebrare con iniziative come quella di ieri a Conegliano, per mostrare il proprio sostegno e la propria vicinanza a chi dedica del tempo al miglioramento della vita delle persone e alla crescita della comunità nella quale vive.

Da non trascurare, inoltre, il contributo che le associazioni sportive danno nell'ottica del contrasto alle diverse malattie legate agli scorretti stili di vita dei nostri giovani che, grazie allo sport, imparano la disciplina, il rispetto del prossimo e l’importanza del lavoro di squadra, evitando di combattere la noia con un passatempo nocivo o pericoloso.

Per gli anziani, invece, l’impegno nelle associazioni costituisce un vero e proprio “servizio sociale” perché li aiuta a combattere la solitudine e la depressione, regalando loro la consapevolezza di essere ancora utili alla società.

Tutti questi aspetti sono stati messi in evidenza e festeggiati con una manifestazione perfettamente riuscita che sarà propedeutica all'inizio di tutte le attività sportive, culturali e ricreative che accenderanno l’autunno coneglianese.

Grande la soddisfazione dell’assessore al commercio, alle fiere, ai mercati e alle attività produttive di Conegliano, Claudia Brugioni, per questa festa che, ormai, è diventata una tradizione.

Lo stesso assessore Brugioni aveva sottolineato come, negli ultimi due anni, fosse stato rinfrescato il format dell’evento, movimentando la giornata con un calendario di attività sportive e ricreative capaci di coinvolgere le associazioni e i cittadini, incoraggiandoli a partecipare sempre più numerosi.

Per permettere alla gente di orientarsi meglio nel percorso della manifestazione, il centro storico di Conegliano è stato diviso in diversi “settori”: lungo corso Mazzini, oltre alle attività delle associazioni di arti marziali, ci sono state le proposte per i ragazzi, con alcuni giochi proposti dal Rugby Conegliano.

La scalinata degli alpini ha ospitato il coro dei bambini insieme al momento dell'alzabandiera e agli eventi collegati alla danza. In piazza Cima, invece, diverse associazioni sportive hanno presentato le loro attività grazie alla possibilità di confrontarsi con alcuni atleti.

Davanti alla stazione ferroviaria, il gruppo dei paracadutisti ha messo in funzione la macchina del vento: un’apparecchiatura unica che ha sorpreso grandi e piccini.

Tra le tante associazioni presenti non si possono dimenticare le associazioni d’Arma, le associazioni che operano negli ospedali, la protezione animali, le associazioni teatrali, i sodalizi che promuovono l'intercultura e le realtà associative che aiutano a combattere le dipendenze.

(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto e video: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

// Storie di Sport