Conegliano, era accusato di molestie, autista volontario assolto: non ha toccato una disabile minorenne

Alla lettura della sentenza è scoppiato in un pianto liberatorio. Perché dopo tre anni per lui è finito l’incubo di essere accusato di aver molestato sessualmente una 17enne disabile psichica. L’uomo, 68 anni, difeso dall’avvocato Massimiliano Bruni, era l’autista volontario del pulmino che, ogni giorno, accompagnava la ragazzina a scuola. Fino all’aprile 2016 quando, improvvisamente, la 17enne lo aveva accusato di averle toccato il seno.

Il fatto sarebbe avvenuto mentre l’autista, era rimasto solo con la ragazza sul pulmino durante il viaggio di rientro. Ma lui si era sempre difeso, respingendo le accuse: “Non ho mai fatto nulla di irrispettoso a quella ragazza. Ho avuto guai con la giustizia perché ho fatto alcuni furti, e li sto pagando, ma quella ragazza non l’ho toccata e non voglio che questa macchia cada su di me” aveva detto ai giudici, spiegando dettagliatamente quello che era accaduto quel giorno.

L’uomo ha spiegato che la 17enne aveva ricevuto una telefonata durante la quale aveva chiesto al compagno della madre di portarla a fare un giro in moto. “Quando ha riagganciato le ho detto: “che ruffiana che sei”. E lei mi ha colpito su un braccio. Ho reagito, alzando a mia volta un braccio per proteggermi e dicendole che non doveva toccarmi come io non toccavo lei”. Oggi per lui è arrivata l’assoluzione, con formula dubitativa. Decisive potrebbero essere state le dichiarazioni del compagno della madre della ragazza, teste dell’accusa, che si sarebbe ripetutamente contraddetto in merito ai fatti.

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport