Conegliano, identificati i giovani del video polemico di dj LastKing: ma non c'è alcuna accusa a loro carico

Non sarebbe stata formulata nessuna accusa a carico dei giovani presenti nel video di dj LastKing dal titolo "Promise", apparso circa due mesi fa su YouTube.

Un video che aveva destato scalpore sul web, e non solo, per il modello diseducativo proposto: sullo sfondo di un'area del Biscione a Conegliano già spesso accostata al termine "degrado", questi giovani mostravano pistole e banconote, mentre il brano faceva riferimento ad escort, soldi e droga.

Un filmato girato in pieno giorno nell'area della fermata delle corriere: molta preoccupazione era sorta per la presenza di alcune pistole brandite dai giovani anche se Claudio Mallamace, comandante della Polizia locale di Conegliano, aveva subito assicurato come si trattasse di pistole giocattolo.

Conferma avvenuta dopo l'identificazione dei giovani protagonisti del video, che avrebbero collaborato con la Polizia al fine di chiarire tutti i contorni della vicenda legata al video.

Una questione che era stata discussa dal sindaco di Conegliano Fabio Chies con il prefetto di Treviso Maria Rosaria Laganà, nel corso di un incontro avvenuto lo scorso 22 maggio sul tema del degrado urbano, incontro da cui era emersa la necessità di garantire un maggior presidio nell'area del Biscione, grazie anche al trasferimento della sede dei Carabinieri in congedo in quell'area.

Misure a cui si aggiunge il daspo urbano ai responsabili del degrado urbano, un divieto di avvicinamento all'area del Biscione per evitare che episodi di abbandono di rifiuti, ad esempio, e altro ancora non si possano ripetere mai più.

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport