Conegliano, la caserma dei vigili del fuoco apre a 1600 bimbi delle scuole per l'infanzia del territorio

Le porte della caserma dei Vigili del fuoco di Conegliano, in via Maggiore Piovesana, si sono aperte a circa 1.600 bimbi delle scuole dell'infanzia del territorio nella mattinata di oggi, mercoledì 15 maggio. Ad attendere i bimbi all'entrata della caserma c'era anche Grisù, la simpatica mascotte scelta dai Vigili per testimoniare ancora una volta la propria vicinanza al territorio locale.

All'appello erano presenti tutte le Forze dell'Ordine, a testimonianza del lavoro di rete fatto nei momenti di maggiore emergenza: Polizia locale, Polizia di Stato, Polizia stradale, Carabinieri, Guardia di Finanza, fino a tutto il comparto dei soccorritori della Croce Rossa, hanno sfilato di fronte ai bambini, a piedi e a bordo dei mezzi di norma utilizzati.

A dare il benvenuto agli alunni, anche il sindaco di Conegliano Fabio Chies, accompagnato dal vicesindaco Claudio Toppan e dall'assessore Floriano Zambon. "Grazie ai Vigili del fuoco per l'ospitalità - ha dichiarato il primo cittadino - che incarnano tutto ciò che c'è di buono nella società. Sicuramente è importante avvicinare le nuove generazioni alle istituzioni". Agli alunni, infatti, sono stati fatti memorizzare tutti i numeri di soccorso e di pronta emergenza, con l'obiettivo di educare fin dalla tenera età i cittadini del futuro, rendendoli consapevoli degli aiuti disponibili in caso di necessità.

Di fronte al parterre delle scuole, sono stati simulati i casi di emergenza più frequenti: le operazioni di ricerca e ritrovamento di una persona scomparsa condotte con i cani cinofili, lo spegnimento dell'incendio di una bombola di gas a gpl, l'estrazione di una vittima di incidente stradale al di fuori dell'abitacolo della vettura - si stima che l'80 percento dei sinistri nella Provincia di Treviso sia causato da fuoriuscite autonome -, l'utilizzo dell'autoscala per l'intervento in un appartamento da cui fuoriesce del fumo e il salvataggio degli abitanti di una palazzina.

Non sono mancate le operazioni di vestizione dei Vigili, i quali hanno indossato le tute ignifughe e da sommozzatori, di fronte agli occhi impressionati dei bambini. Ma il momento clou della mattinata è stato l'arrivo dell'elicottero dei Vigili del fuoco, il "Drago" da Venezia, il quale ha sorvolato l'area più volte, per dare il proprio omaggio all'appuntamento.

Tutto si è concluso con il canto dell'Inno d'Italia, un momento di condivisione tra alunni, insegnanti, Vigili e tutte le Forze dell'Ordine.
Grande la soddisfazione, soprattutto per il capo distaccamento Giampietro Fantinel: "Ringrazio tutti quanti per la giornata di oggi. Si tratta di un lavoro di organizzazione che ci ha impegnati circa tre mesi e ora i ragazzi dovranno portare avanti questo impegno, dato che a dicembre andrò in pensione. Abbiamo accolto 1.600 bambini, provenienti da circa 27 Comuni, oltre a quello di Conegliano. Un grazie anche al comandante Nicola Micele che a fine mese andrà a Verona".

 

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto e video: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport