Conegliano, il sindaco: "Gli affitti alti scoraggiano le aperture". Ascom: "Siamo d'accordo"

"I prezzi delle locazioni scoraggiano l'apertura di nuove attività da parte di privati": questo il commento del sindaco di Conegliano, Fabio Chies (nella foto),  espresso nell'ultimo consiglio comunale di fronte all'interrogazione di Isabella Gianelloni (Pd) sul futuro della città.

Ancora una volta i riflettori sono stati puntati sul tema del commercio cittadino, da sempre al centro delle riflessioni degli amministratori coneglianesi. "Siamo d'accordo con il sindaco - ha dichiarato Federico Capraro, presidente di Ascom Conegliano, il quale ha aggiunto - Il caro affitti è una delle cause della difficoltà nell'aprire attività in centro, una situazione figlia di una serie di concause, ovvero la diminuzione dei flussi di persone in città, l'eccesso smisurato dell'offerta di centri commerciali, la mancanza di prospettive certe di una pianificazione".

L'unica soluzione in questo scenario, secondo Capraro, sarebbe rappresentata dal distretto del commercio. "A Conegliano abbiamo creato un distretto del commercio insieme al Comune, riconosciuto dalla Regione - ha spiegato Capraro - al quale è necessario collegare delle progettualità da condividere con l'amministrazione".

Il distretto del commercio rientra in una delle iniziative riconosciute dalla Regione Veneto, che destina dei contributi alle progettualità tra pubblico e privato realizzate nei centri urbani. "Manca condividere e realizzare delle iniziative da inserire nel distretto del commercio già creato. In queste settimane ci siamo già mossi per confrontarci con il sindaco, il quale ci ha già dato la sua disponibilità", ha specificato il numero uno di Ascom.

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport