Ecovandalo "beccato" a Colle Umberto, in paese solo meno della metà la fa franca

Aveva lasciato i rifiuti di una ristrutturazione lungo via Calate, la strada che collega la zona dell’IperTosano al centro di Colle, che era momentaneamente chiusa per l’asfaltatura.

Ma l’ecovandalo l’ha fatta franca per pochi giorni. L’agente di Polizia locale dopo aver fatto diversi incroci di dati e immagini delle videocamere di sorveglianza del Comune lo ha individuato. Ed ora dovrà pagare 1.200 euro di ammenda, poiché è risultato recidivo, e provvedere alla rimozione del rifiuti.

A Colle Umberto gli ecovandali non hanno vita facile: almeno il 50 per cento di loro negli ultimi mesi è stato scoperto, tant’è che gli abbandoni di rifiuti lungo le strade comunali, o nei cassonetti dei cimiteri, sono drasticamente diminuiti.

Ad essere "beccato" è stato un residente di un Comune limitrofo a Colle Umberto. In un primo momento, quando è stato convocato nell’ufficio di Polizia locale ha tentato di negare, ma i riscontri che gli sono stati sottoposti erano evidenti. E ha ammesso la sua responsabilità.

L’incasso delle ammende per reati ambientali finisce in provincia, e per questo il sindaco Edoardo Scarpis spera in un ritorno sul territorio di quanto incassato: "Il lavoro di controllo lo fanno i Comuni che come il nostro investono molto nella salvaguardia ambientale. Spero che si tenga conto di questo".

(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

// Storie di Sport