Colle Umberto: i pescatori del Meschio recuperano i pesci del canale Emanuele Filiberto

L’associazione pescatori sportivi del Meschio ha iniziato sabato 30 settembre il recupero della fauna ittica (nella foto) dal canale Emanuele Filiberto del fiume Meschio, a Colle Umberto.

Il canale è da primaria importanza, infatti viene utilizzato per l’irrigazione dei campi nei Comuni di San Fior, San Vendemiano e Conegliano. I pescatori volontari si occupano ogni anno del recupero dei pesci, che altrimenti rimarrebbero senza acqua e ossigeno perché il Consorzio Bonifica Piave chiude le derivazioni d’acqua di questo canale in questo periodo.

I pescatori di questa associazione hanno degli incubatoi in cui possono far schiudere le uova dei pesci e da cui nascono gli avannotti, che vengono liberati lungo le canalette d’irrigazione dove crescono naturalmente.

Il canale Emanuele Filiberto però, per sua particolare conformazione, fa crescere i pesci maggiormente rispetto ad altri luoghi del fiume. Così, quando si sono chiusi i canali anche quest’anno, circa venti uomini dell’associazione dei pescatori, con i loro strumenti, hanno permesso il recupero di quasi la totalità dei pesci, tornati poi a vivere nelle acque del Meschio.

L’associazione pescatori sportivi del Meschio vanta numerosi pescatori esperti che dirigono la concessione di pesca del Meschio per 12 chilometri, da Savassa, Vittorio Veneto, a Pinidello, e sono attivi nella salvaguardia del fiume.

(Fonte: Francesca Rusalen © Qdpnews.it).
(Foto: Associazione pescatori sportivi del Meschio).

#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport