Colle Umberto premia i talenti di casa: consegnati i riconoscimenti a Ennio Momo e Bruno Bontempo

Lo scorso venerdì 28 aprile, il sindaco di Colle Umberto Edoardo Scarpis (nelle foto) e l’amministrazione si sono riuniti per il consueto appuntamento del consiglio comunale: all’ordine del giorno, la consegna di un riconoscimento speciale per due cittadini che si sono distinti nell’ambito dello sport e della cultura. Ennio Momo (nella foto in alto) ha conquistato lo scorso anno il gradino più alto del podio nel “Campionato provinciale squadre over torrente”.

Una specialità di pesca, forse non molto conosciuta e diffusa: la squadra composta da Ennio e da altri tre compagni ha disputato una serie di gare, sessioni intense di pesca sul torrente della durata anche di tre ore, riuscendo alla fine a conquistare il massimo traguardo nella competizione. La chiave del successo? “Servono velocità, pazienza e anche un pizzico di fortuna: chi viene estratto per primo ha la possibilità di scegliere il posto migliore per pescare”, svela Ennio Momo.

Il secondo riconoscimento è stato consegnato a Bruno Bontempo (nella foto), regista e sceneggiatore: con il suo cortometraggio “Panda” è entrato nella selezione ufficiale di “48 Film Project”, concorso cinematografico statunitense che riceve ogni anno i lavori di aspiranti registi di tutto il mondo.

Colle Umberto Bruno Bontempo riconoscimento
Un riconoscimento che gli ha dato l’occasione di partecipare un mese fa alla serata di premiazioni a Hollywood. “Panda” narra la storia di una giovane mamma che perso il lavoro, si trova nella difficile situazione di dover trovare un modo per pagare le spese mediche alla figlia malata. La soluzione, quella di accettare il fatto di prostituirsi e di subire violenze: per nascondere le sue ferite, soprattutto agli occhi della bambina, decide di truccarsi ogni giorno come un panda.

Una storia d’attualità, che affronta problemi troppo spesso passati sotto silenzio, che non può lasciare indifferenti e che ha colpito anche il direttore del concorso. Dopo l’esperienza oltre oceano è tempo però di guardare avanti, Bruno Bontempo e i suoi colleghi hanno le idee molto chiare: “Abbiamo già finito il nuovo cortometraggio – racconta il regista – e stiamo cercando di cambiare genere e di sperimentare, verso l’azione e il noir”.

Dalle colline di Hollywood...a “Colliwood”, il cinema sembra essere di casa a Colle Umberto: da due anni l’associazione giovani, appoggiata dall’amministrazione comunale, porta avanti questa iniziativa pensata per dare la possibilità ai ragazzi e alle famiglie di cimentarsi nel mondo dei cortometraggi. “Nel nostro piccolo siamo molto orgogliosi della manifestazione – spiega l’assessore alla cultura Alessandra Covre – è un modo per raccontare il territorio e anche per far conoscere i nostri scorci”.

(Fonte: Giada Fornasier © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport