Elezioni comunali, presentata ieri la lista di Cristina Da Soller che vuole portare Cison di Valmarino "oltre" l’esperienza Pin

"Non sono né contro né a favore dell’attuale sindaco Cristina Pin, ma voglio guardare oltre". Con queste parole pronunciate nella stanza polivalente delle Case Marian di fronte ad una assemblea numerosa e attenta (nella foto in basso), Cristina Da Soller, 37enne avvocato ha voluto rispondere alla domanda che più le viene rivolta da quando si è ufficialmente candidata a sindaco di Cison e cioè come voglia porsi nei confronti dell’attuale amministrazione del sindaco Cristina Pin che da 24 anni governa il Comune.

La Da Soller ha ripercorso la sua storia personale e politica, partendo dagli anni del volontariato alle feste di Tovena e dintorni, passando per gli studi coronati con laurea in giurisprudenza, per finire con le esperienze politiche. Anni importanti con il Laboratorio Politico a Vittorio Veneto prima e poi dal 2009 al 2014 come assessore al turismo nella giunta del sindaco Cristina Pin, per una parentesi da lei definita bella ed importante.

Ma torniamo alla presentazione della squadra, un mix di esperienza e gioventù per tentare la scalata alla poltrona di sindaco di Cison. Questi i nomi in ordine rigorosamente alfabetico: Cesca Giovanni, D’Agostin Elisa, D’Agostin Ivan, Dal Vecchio Andrea, Munno Cristina, Nardi Daniele, Perenzin Loris, Possamai Jacopo, Possamai Maria Cristina e Zanin Marco (nella foto in alto).

Cison Pubblico cristina da soller

Sono due i nomi che più hanno fatto discutere il borgo sui quali la Da Soller si è soffermata. Il primo è quello di Cristina Munno, legata all’associazione La Via dei Mulini e facente parte del gruppo “Laboratorio Cison” che siede nei banchi all’opposizione del sindaco Pin. L’altro è quello del vice sindaco in carica e braccio destro del sindaco Cristina Pin, Loris Perenzin.

Come faranno a convivere? La Da Soller non vede problemi, trattandosi di persone definite "intelligenti che daranno una grossa mano alla squadra". Insieme ai candidati consiglieri della compagine che correrà con il nome di “Strada Comune”, hanno posato per le foto di rito anche i “padri nobili” della lista, persone d’esperienza che pur non correndo saranno vicine al gruppo.

(Fonte: Giancarlo De Luca © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport