A marzo apre l’ufficio turistico di Cison di Valmarino, sarà gestito dall’associazione “Il borgo del cuore”

Un borgo che può fregiarsi di appartenere al ristretto club dei "Borghi più belli d’Italia “ e che da poco è divenuto la nona “Bandiera Arancione del Touring Club” è un borgo che punta al turismo.

Va vista in questo senso la decisione dell’amministrazione di Cison di Valmarino del sindaco Cristina Pin di aprire dal primo di marzo un ufficio turistico. Sarà ubicato nell’aia suggestiva delle Case Marian (nella foto) e sarà gestito dall’associazione “Il borgo del cuore” presieduta da Ilenia Api, l’unica ad avere risposto alla manifestazione di interesse pubblicata dal comune. L’importo annuo che verrà corrisposto è di 11 mila 600 euro.

Cosa dovrà garantire l’associazione? E’ il sindaco Pin a spiegarlo “ L’ufficio sarà aperto quattro giorni la settimana dal giovedì alla domenica e sarà gestito da personale preparato, con perfetta conoscenza di inglese e tedesco oltre a competenze turistiche adeguate”.

Dunque Cison, il paese di Artigianato Vivo vuole con questo fare un salto di qualità dal punto di vista turistico, dotandosi di ufficio competente in materia: “Vogliamo promuovere il nostro territorio facendo conoscere le enormi potenzialità che offre dal punto di vista storico, paesaggistico e culturale , dando le giuste informazioni a chi vuole soggiornare nel borgo”.

La partita vera si sposta dunque sul soggiorno nel borgo, visto che a livello di presenze giornaliere, grazie ad Artigianato Vivo e alle tante manifestazioni organizzate dalle associazioni di volontariato, l’affluenza è più che buona.

Settecentomila persone vengono a visitare annualmente Cison, puntiamo a far si che i turisti si fermino per trascorrere qualche giorno nel nostro territorio – chiude il sindaco Pin- approfittando delle strutture ricettive e delle attrattive che esso offre”.

(Fonte: Giancarlo De Luca © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport