Vittorio Veneto, le ceneri di Iroso alla base del monumento all'Alpino, accanto all'antica Pieve di Sant'Andrea

Le ceneri di Iroso, l’ultimo mulo alpino morto a 40 anni, saranno sepolte accanto al monumento al mulo e all’alpino nell’area verde di piazza Sant’Andrea, accanto all’antica Pieve: “Una cerimonia sobria – fa sapere Antonio De Luca, che dopo aver salvato Iroso dal macello acquistandolo all’asta negli anni ’90 lo curò per anni amorevolmente nel reparto salmerie della sezione Ana - che faremo indicativamente venerdì 19 aprile nel pomeriggio”. La data è stata scelta nel corso dell’adunata Triveneta di Tolmezzo. Da qualche settimana De Luca custodisce gelosamente le ceneri del “generale” Iroso, accolte di ritorno dal forno crematorio da una folla di alpini che dal casello di Godega le hanno anche accompagnate verso casa. Nelle ultime due adunate, quella nazionale di Milano e quella Triveneta di Tolmezzo ha sfilato con il basto alpino che fu proprio di Iroso quando fece il servizio militare nella caserma del 7. a Belluno.

mulomonumento alpino vittorio

Una nicchia ricavata nella roccia al basamento del monumento al mulo e all’alpino (foto sopra) custodirà così l’urna con le ceneri:L’avevamo a suo tempo prevista – conferma De Luca – proprio per Iroso e alla cerimonia parteciperà anche il coro Ana di Oderzo che aveva dedicato una canta a Iroso, e la canteranno proprio davanti al monumento”. Dopo la deposizione ci saranno i saluti e le motivazioni che accompagnano il ricordo di un mulo considerato da tutti un vero alpino e diventato per la sua longevità il simbolo del reparto fiore all’occhiello della sezione delle penne nere vittoriesi. Seppellito accanto al monumento con un targa che richiamerà l’attenzione di chi passando vorrà comunque rendere un piccolo omaggio al generale, che per la sua storia è diventato una icona degli alpini di Vittorio Veneto. 

(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

// Storie di Sport