Cappella Maggiore, cena di classe dei neo-settantenni con raccolta fondi per il Bellunese

Festa di classe con beneficenza per le popolazioni colpite dal maltempo nel Bellunese: la classe 1948 (nella foto)  di Cappella Maggiore ha iniziato l’avvio della “vecchiaia”, i 70 anni, con una serata speciale di festa, ma anche di solidarietà: venerdì 9 novembre al Castelletto di Cappella Maggiore gli organizzatori Duilio Dal Fabbro, Renato Garbelotto e Ireneo Garbellotto, tutti classe 1948, hanno ovviamente chiamato a raccolta i neo settantenni con mogli e mariti, in tutto una sessantina di persona.

“Abbiamo così festeggiato "l'inizio della vecchiaia" – commenta Dal Fabbro -, ma abbiamo voluto rendere straordinaria la serata con una raccolta fondi a favore delle popolazioni amiche del vicino Cadore, colpite dalla furia devastatrice del maltempo le settimane passate. Per questo siamo riusciti a raccogliere tramite la vendita di alcune opere d'arte messe a disposizione, con una sorta di asta, la somma di 1.000 euro, che abbiamo già provveduto a spedire e intestare al conto corrente della Regione del Veneto per il Bellunese”.

Nella serata è intervenuto anche il noto showmen-barzellettiere, “Tito Barbier” di San Giacomo con le sue note macchiette di don Fumino e la sua giovane (si fa per dire) perpetua.

(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: Classe 1948 di Cappella Maggiore).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport