Prolungamento della tratta dell'autobus tra Vittorio e Cappella. Traetta: "Apriremo un tavolo con Mom"

"Apriremo un tavolo tecnico con Mom": ad annunciarlo è il sindaco di Cappella Maggiore, Vincenzo Traetta, durante la serata dedicata al premio "Capellam de Ygo", svoltasi venerdì 4 maggio nel centro sociale della città. Il gruppo giovani "Nuova voce" ha indetto infatti una campagna di raccolta firme a marzo scorso per chiedere il prolungamento della linea autobus dal centro di Vittorio Veneto fino a Cappella Maggiore.

Durante la serata del 4 maggio il sindaco Traetta e il consigliere di minoranza Gilberto Cannella sono stati invitati a firmare a favore del prolungamento della tratta a cui il gruppo giovani voleva far seguire la richiesta di incontro con Mom. "Questa è una battaglia annosa – spiega il sindaco – Durante la prima amministrazione di Mariarosa Barazza l’assessore aveva più volte incontrato l’azienda, la quale valuta naturalmente costi e benefici: in questo caso il costo non giustificava il servizio, era troppo oneroso. Nella seconda amministrazione Barazza si era invece aperto uno spiraglio, ma chiedevano al Comune 20 mila euro l’anno".

La cifra richiesta da Mom è stata considerata quindi parecchio onerosa per le risorse economiche di Cappella Maggiore, ma questo non comporta per il primo cittadino rinunciare al progetto dopo che il gruppo giovanile ha raccolto ben 966 firme per tale proposta. "Cercheremo di aprire un tavolo tecnico con le firme in mano, a cui parteciperà la giunta e la minoranza, che non credo abbia nulla in contrario – annuncia Traetta – È necessaria la partecipazione di tutte le forze politiche, altrimenti le firme non basterebbero da sole".

Anche il consigliere di minoranza Gilberto Cannella aderisce alla causa: "Ci sarà un costo, ma è vero anche che siamo di fronte a un servizio necessario e trovare un punto di mediazione, tenendo conto per esempio delle fasce orarie, sarà fondamentale".

(Fonte: Francesca Rusalen © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport