Spesa per hotel e ristoranti in Italia e in Europa

• Secondo i dati Eurostat, la spesa degli italiani per mangiare e dormire fuori non si è mai fermata e anzi è cresciuta negli ultimi dieci anni. La spesa in consumi dell'Italia per il mangiare e dormire fuori casa aumenta dal 9,1% del 2007 al 10,3% del 2017, pari a +1,2% e sempre superiore alla media Ue, rispettivamente dell'8,3% e dell'8,8% per un +0,5%.

• Il Paese che ha visto il secondo aumento più marcato di spese in cene e pernottamenti è l'Ungheria (+2,8%). Gli Stati membri dove invece le famiglie vanno meno a mangiare fuori o in vacanza sono Romania (3,1%), Polonia (3,6%) e Lituania (3,7%), mentre quelli in cui la spesa è diminuita negli ultimi 10 anni sono la stessa Romania (dal 5% nel 2007 al 3,1% nel 2017: -1,9%), la Slovacchia (-0,6%) e la Finlandia (-0,1%).

• Tra le famiglie che spendono più di quelle italiane vi sono inoltre quelle austriache (seste con 13,4%) e portoghesi (settime con 12,3%). I francesi spendono invece il 7,3% (quindicesimi su 28), mentre i tedeschi appena il 5,5% (quart'ultimi in Europa).

• Nel complesso per il 2017 in Europa si tratta di una spesa totale di quasi € 740 miliardi, pari al 4,8% del pil Ue o a € 1.400 per abitante Ue.


qdp beninformati famiglia

qdp beninformati quotidiano

qdp beninformati ecomia verde

qdp beninformati agevola