Il basilico

Il basilico (Ocimum basilicum) è un'erba fresca, aromatica e profumata appartenente alla famiglia delle Labiate o Lamiacee. Si utilizzano le foglie tenere e lucide e gli apici fiorali freschi.

Coltivazione

La sua coltivazione è molto semplice, il modo migliore per avere a disposizione il basilico sempre fresco è tenere le piantine nell’orto o in giardino: preferisce terreno morbido, ben drenato e clima mite. Possiamo anche tenerlo in un vaso sul balcone e prelevare le foglie quando ci servono.

Tagliando l’apice della piantina, essa si svilupperà come un piccolo cespuglio e avremo a disposizione le sue foglie profumate per lungo tempo.
Il basilico ha fusto eretto e ramificato, foglie dal colore verde brillante e uno stelo con fiorellini bianchi o rosei anch’essi commestibili.

Varietà

Il più comune è il basilico classico o genovese, coltivato per produrre il pesto ligure. Esistono anche varietà ornamentali con foglie color porpora o con margine increspato. Il basilico ha origine orientale ma, fin dai tempi dell’antica Roma, è una delle erbe aromatiche più utilizzate nella medicina e nella cucina mediterranea.

Gli antichi romani lo associarono alla figura mitologica del re dei serpenti in grado di uccidere con lo sguardo: il basilico sarebbe servito come antidoto al suo veleno. Per gli Egiziani era importante in quanto indispensabile ingrediente per imbalsamare i defunti.
Il suo nome deriva dal greco Basylicon, regale e maestoso, per la grande importanza attribuita a questa profumata pianta.

Proprietà

Il basilico dà il meglio di sé quando viene utilizzato fresco, quindi è meglio aggiungerlo alle pietanze all’ultimo momento. Si usa nelle insalate, con i pomodori, le zucchine, il pesce e le carni bianche. Si può conservare congelandolo, ma perde parte del suo fresco aroma. Contiene proteine, fibre, vitamine A, C e K e sali minerali come ferro e calcio. Oltre che in cucina si utilizza nell’industria profumiera, viene distillato il suo olio essenziale che contiene eucaliptolo ed eugenolo.

Anticamente alcuni naturalisti lo ritenevano addirittura velenoso e immagine diabolica, altri invece lo consideravano simbolo di forza e di vigore e gli riconoscevano proprietà benefiche toniche e vitalizzanti. Nel medioevo gli furono riconosciute anche proprietà antiparassitarie, oltre che aromatiche e le navi, quando salpavano dai porti, dovevano sempre averne un buon carico per eliminare insetti e cattivi odori nei lunghi viaggi.

La ricetta - Crema al basilico

E' un'appetitosa salsa per ottime bruschette, per accompagnare carni e verdure, come condimento per pasta e risotto o come fresca crema estiva

Ingredienti:

-150 g di basilico
-6 noci
-2 etti di yogurt greco bianco
-30 g di pecorino grattuggiato
-30 g di formaggio grana grattuggiato
-1 cubetto di ghiaccio
-1 pizzico di sale
-olio extravergine di oliva q.b

Preparazione:

-Lavare bene le foglie di basilico e asciguarle con cura con della carta assorbente da cucina.
-Metterle nel frullatore insieme al grana e al pecorino grattuggiati, alle noci e a un cubetto di ghiaccio, tritato. Salare il composto e frullarlo a impulsi, non di seguito, mentre si versa dell'olio extravergine di oliva a filo. Aggiungere lo yogurt greco e amalgamare bene il composto. Il cubetto di ghiaccio aiuterà a mantenere il basilico di un bel colore verde brillante e non lo farà annerire.
-Se si vuole utilizzare la crema di basilico come condimento per la pasta, si può aggiungere un cucchiaio di panna o della ricotta per addensare maggiormente il sugo. Se invece la crema risultasse troppo densa, diluirla con del brodo vegetale.
-Al posto delle noci si possono utilizzare anche pinoli o mandorle.

Autore: Maria Rosa Macchiella

 

qdp beninformati famiglia

qdp beninformati quotidiano

qdp beninformati ecomia verde